Tassa Auto – Nuove disposizioni per le persone diversamente abili.

In materia di esenzione dal pagamento del bollo auto, è stato previsto il beneficio fiscale a favore dei soggetti che hanno una disabilità agli arti superiori, certificata dalle competenti commissioni mediche, che comporti una menomazione che renda difficoltosa alla persona l’autonomia nella mobilità attraverso un mezzo di locomozione soggetto alla tassa automobilistica.

L’art. 6 della L.R. 20 maggio 2021, n. 5 ha introdotto un nuovo comma all’art. 14, “Disposizioni a favore dei disabili”, della L.R. n. 30/2003 al fine di agevolare l'autosufficienza, l’integrazione e l’autonomia nella mobilità delle persone con disabilità agli arti superiori.

La disabilità agli arti superiori certificata, che comporti una menomazione che renda difficoltosa alla persona l’autonomia nella mobilità attraverso un mezzo di locomozione, adattato in funzione delle limitazioni motorie, rientra nella situazione di “ridotte o impedite capacità motorie permanenti”.

In questi casi, in coerenza con l’interpretazione estensiva fornita dal Ministero dei Trasporti in materia di rilascio di “contrassegno invalidi”, alla persona con “ridotte o impedite capacità motorie permanenti” (disabile non riconosciuto grave), il diritto alle agevolazioni è infatti condizionato all’adattamento del veicolo in funzione della minorazione di tipo motorio di cui è affetto (anche se trasportato), laddove venga certificato, dalle commissioni mediche competenti, che tale menomazione rende difficoltosa alla persona la sua autonomia nella mobilità.

 

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/05/25 15:45:00 GMT+2 ultima modifica 2021-05-25T16:34:04+02:00